La direttrice finanziaria del colosso cinese Huawei Technologies, Meng Wanzhou, è stata arrestata in Canada.  A renderlo noto il dipartimento di giustizia canadese. Venerdì 7 dicembre è prevista l’udienza in cui il giudice deciderà se rilasciarla su cauzione. La manager 41enne, destinata a succedere al padre Ren Zhengfei, è stata arrestata su richiesta degli Usa, che intendono chiedere l’estradizione. Il sospetto è che la figlia del fondatore abbia violato le sanzioni degli Stati Uniti contro l’Iran.

Intanto la Cina ha chiesto al Canada di rilasciare il capo dell’ufficio finanziario. Il caso è destinato ad aumentare le tensioni tra Pechino e Washington in campo tecnologico, dopo la recente tregua sui dazi. Huawei, uno dei più grandi produttori cinesi di telefonini, è finita nel mirino delle autorità americane per timori legati alla sicurezza: l’acquisto e l’uso di telefonini del marchio è stato vietato nelle agenzie governative. Anche in Italia la presenza del colosso cinese desta preoccupazione, il Copasir se ne sta occupando.

Per la Cina è in corso “una seria violazione dei diritti umani”. “Non siamo a conoscenza di alcun illecito commesso dalla direttrice finanziaria” ha dichiarato il colosso della telefonia che insiste sul fatto che Pechino non ha alcuna influenza sulla compagnia. L’arresto è avvenuto il 1° dicembre, lo stesso giorno in cui il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e quello cinese Xi Jinping  hanno avviato le trattative commerciali, durante un vertice in Argentina, che si concluderanno entro 90 giorni.

Huawei non è la prima azienda cinese di apparecchiature di telecomunicazione ad affrontare le ire delle autorità statunitensi. Già ad aprile 2018, gli Stati Uniti avevano imposto il cosiddetto Zte ban, cioè il divieto per le aziende americane, della durata di 7 anni, di vendere componenti al produttore di smartphone cinese, dopo che questo aveva violato le sanzioni commerciali contro Iran e Corea del Nord. Un blocco che ha fermato l’azienda e che è poi cessato a maggio, dopo che la società ha accettato di pagare 1 miliardo di dollari di multa e di depositare ulteriori 400 milioni in garanzia, in caso di future violazioni. Nonostante sia stato praticamente escluso dal mercato degli Stati Uniti, Huawei ha superato Apple diventando il secondo produttore mondiale di smartphone nel secondo trimestre di quest’anno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Grenfell Tower, l’ultima telefonata di Gloria alla madre: “‘C’è il fuoco’. Poi ha chiuso, non voleva la sentissi urlare”

next
Articolo Successivo

Gilet gialli, scontri studenti-polizia a Nizza e Marsiglia. Sabato cortei a Parigi, pronti 65mila poliziotti. Ministra: “State a casa”

next