Quando la Lega sovranista di Salvini sfilerà a Roma l’8 dicembre, alla finestra ci sarà la bandiera dell’Europa. Perché se “i nazionalisti vogliono distruggere l’Europa, noi vogliamo cambiarla”. Quello che propone l’associazione Europa Now! non è una mobilitazione di piazza, ma un corteo che con un simbolo vuole rimettere al centro i valori fondativi dell’Unione.

“Sentiamo l’emergenza di agire contro l’avanzata dei nazionalismi e vogliamo un’Europa che garantisca gli stessi diritti per tutti i suoi cittadini – spiega Eric Jozsef, co-fondatore di EuropaNow! e corrispondente di Libération, che ha lanciato l’iniziativa insieme alla Gioventù federalista europea -. Bisogna fare sentire che l’Europa appartiene alla società civile. Che abbiamo valori e un immaginario comune”.

Europa Now! vuole “fare un assalto democratico contro quella che oggi è una minaccia seria”. Jozsef si riferisce “ai rischi che oggi vediamo in Polonia, in Ungheria. Alla Brexit e a quello che è successo con le elezioni in Andalusia“, dove il partito di estrema destra Vox è entrato per la prima volta nel parlamento regionale. “Senza dimenticare la Lega di Salvini, che mette in dubbio l’autorità giuridica della Ue e parla di uscita dall’euro”. Esporre una bandiera alla finestra per dimostrare che “la Ue non è quella degli intellettuali e dei giornalisti. Che non siamo la commissione di Juncker, quelli dell’austerità e dei vincoli di bilancio e neanche l’Europa dei piccoli compromessi. Vogliamo un’Unione federale, dove tutti i cittadini possano scegliere il governo a Bruxelles“.

Da venerdì 30 novembre EuropaNow! e la Gioventù Federalista Europea hanno avviato presìdi europeisti in alcune piazze di Roma dove vengono anche distribuite bandiere europee. Recuperarne una, infatti, è uno dei problemi. “In molti non ce l’hanno, per questo ci siamo organizzati per fornirle. Un’occasione anche per parlare dei valori su cui è nata l’Unione“. Da riformare e migliorare “avendo ben presente l’avvertimento di Vaclav Havel ‘Se non saremo capaci di sognare un’Europa migliore, non costruiremo mai un’Europa migliore’”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Di Maio: “Scoperto cose nuove di mio padre. Giustissimo fare le pulci al vicepresidente del Consiglio e ai suoi familiari”

next