Negli ultimi anni la sala da pranzo diventa un ambiente sempre più di design, da arredare con grande attenzione e stile. Un recente articolo di Immobiliare.it mette in luce i principali trend in fatto di materiali e caratteristiche da scegliere per il tavolo della sala.

Una concezione innovativa

Il tavolo diventa dunque protagonista nell’arredo della casa attraverso l’utilizzo di materiali tradizionali riletti in chiave innovativa. Grande interesse per il legno, con le sue diverse tipologie che si adattano ad ambienti differenti: il rovere è indicato per spazi dalle tinte chiare che riprendono lo stile nordico, il noce italiano per ambienti dalle linee classiche. Il legno, inoltre, viene largamente utilizzato da coloro che vogliono dare alla propria casa una dimensione più sostenibile attraverso l’impiego di modelli eco-friendly: i certificati Fsc ne assicurano la provenienza da foreste gestite nel rispetto degli standard ecologici e ambientali. Tra le tendenze si conferma anche l’uso di marmo e vetro per ambientazioni chic ed esclusive.

Non solo materiali classici

L’interior design è andato incontro, nel corso degli ultimi anni, a una costante diffusione di materiali alternativi dalle spiccate caratteristiche tecnologiche. Tra questi vi è il Fenix Ntm, che permette di uniformare gli spazi della cucina con il piano del tavolo creando una superficie opaca e anti batterica. Si registra, infine, l’avvento di materiali compositi come il Lazy Susan, il celebre vassoio girevole posto al centro del tavolo: quando è incassato a filo è realizzato nello stesso materiale del piano, se rialzato è costruito invece con un materiale complementare.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Immobiliare: la BCE dichiara fermi i prezzi delle case in Italia

prev
Articolo Successivo

Istat: mutui e compravendite in crescita nel secondo trimestre

next