“Di notte avvenivano le grandi ruberie, che io e mio fratello notavamo da casa con immenso dispiacere senza poter intervenire”. Finché un giorno Maria Rosaria e Piergianni Berardi – due precari in servizio alla Biblioteca Girolamini di Napoli – decidono di dire “basta”, e si confidano con un professore universitario veneziano, Filippomaria Pontani. Sulle prime, quest’ultimo pensa di trovarsi di fronte a due mitomani. D’altra parte, come si fa a credere che il direttore dei Girolamini, il “professore” e “principe” Marino Massimo De Caro, uomo di fiducia del ministro della Cultura, in realtà sia un ladro impegnato nel saccheggio di quella stessa biblioteca storica a lui affidata?

“Il furto delle meraviglie” – terza puntata di “Disobbedienti”,  il nuovo programma televisivo realizzato da Loft Produzioni, condotto da Andrea Franzoso (autore de “Il disobbediente”, ed. PaperFIRST, e del libro per ragazzi “#disobbediente! L’onestà è la vera rivoluzione”, edito da De Agostini) – sembra un noir. E gli ingredienti ci sono tutti: dalla rete internazionale di mercanti d’arte alle complicità ai massimi livelli politici e di governo; dai trafficanti sudamericani al prete corrotto; dagli incunaboli del Quattrocento e dalle preziose cinquecentine alla laurea honoris causa ottenuta in una sconosciuta università sudamericana in cambio di libri antichi e di un frammento di meteorite recuperato nel deserto del Sahara; dai bibliotecari onesti al giudice coraggioso; dall’interrogazione parlamentare di un gruppo di senatori contro i professori ficcanaso alla bionda ragazza venuta dall’Est.

“Venne fuori l’inchiesta più importante sul patrimonio culturale del nostro Paese. Non si trattava soltanto di furti, ma della devastazione di una biblioteca – è il commento dello storico dell’arte Tomaso Montanari – Dove finiva il malaffare privato e dove iniziavano le istituzioni corrotte dello Stato? Dove si poteva andare? Di chi ci si poteva fidare? È un episodio chiave per capire per capire non solo ciò che è successo ai Girolamini, ma ciò che è successo all’Italia”. A ricostruire la vicenda sono i protagonisti di quei giorni febbrili: la “disobbediente” Maria Rosaria; Tomaso Montanari, che fece scoppiare lo scandalo; il giornalista del Corriere della Sera Gian Antonio Stella, che smascherò le imposture di De Caro; il procuratore di Napoli Giovanni Melillo, che coordinò le indagini.

‘Disobbedienti’ è un programma realizzato da Loft Produzioni per la piattaforma tv di Loft.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sul Nove un super venerdì sera: boom di ascolti per Crozza e “Accordi e Disaccordi” con Andrea Scanzi e Luca Sommi

next
Articolo Successivo

Accordi&Disaccordi, ospite il vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini su Nove venerdì 7 dicembre alle 22.45

next