Il cantautore Tiziano Ferro, il conduttore Fabio Volo, l’attore Giorgio Panariello, il duo dei The Jackal. Sono solo alcuni dei volti noti della tv e dello spettacolo che hanno prestato il loro volto alla campagna nazionale promossa da Anlaids in occasione della Giornata mondiale contro l’Aids dell’1 dicembre. #Tiriguarda è il messaggio della campagna, che parte oggi con affissioni e schermi luminosi in 14 città italiane, e che sarà trasmessa anche in radio e sul web: un modo per dire che l’Aids riguarda tutti e non solo alcune categorie di persone. Secondo i dati ogni anno in Italia sono 4 mila le nuove persone contagiate. “Abbiamo questa situazione per cui il 30/40% delle persone sieropositive non sanno di esserlo – ha spiegato Andrea Gori, direttore unità operativa Malattie infettive Fondazione Irccs Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico -. Solo facendo sì che queste persone sappiano di essere infette e si curino, potremo ridurre dell’80% il numero delle nuove infezioni. Sono numeri equivalenti a quelli di un vaccino”. La campagna, firmata da Pablo Iabichino e con gli scatti di Daniele Barraco, rimarrà affissa e visibile nelle città per due settimane. Per quanto riguarda l’Aids, “l’emergenza è cambiata perché prima si trattava di salvare vite umane. – ha spiegato Federico Torzo, segretario nazionale Anlaids -. Oggi questo aspetto è meno rilevante perché ci sono cure efficaci che consentono a chi è malato una qualità della vita e una durata pari a quella delle altre persone. Oggi la necessità è quella di sconfiggere il virus, bloccandone la diffusione”. Il messaggio è quindi quello di fare il test, che si può trovare anche in farmacia, e prevenzione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Hiv, fatti e stereotipi: i video dell’Osservatorio AiDS per smentire i luoghi comuni più diffusi

prev
Articolo Successivo

Aborto terapeutico, non solo obiezione. Poca formazione e donne costrette a passaparola: gli ostacoli dopo i 90 giorni

next