Il cantautore Tiziano Ferro, il conduttore Fabio Volo, l’attore Giorgio Panariello, il duo dei The Jackal. Sono solo alcuni dei volti noti della tv e dello spettacolo che hanno prestato il loro volto alla campagna nazionale promossa da Anlaids in occasione della Giornata mondiale contro l’Aids dell’1 dicembre. #Tiriguarda è il messaggio della campagna, che parte oggi con affissioni e schermi luminosi in 14 città italiane, e che sarà trasmessa anche in radio e sul web: un modo per dire che l’Aids riguarda tutti e non solo alcune categorie di persone. Secondo i dati ogni anno in Italia sono 4 mila le nuove persone contagiate. “Abbiamo questa situazione per cui il 30/40% delle persone sieropositive non sanno di esserlo – ha spiegato Andrea Gori, direttore unità operativa Malattie infettive Fondazione Irccs Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico -. Solo facendo sì che queste persone sappiano di essere infette e si curino, potremo ridurre dell’80% il numero delle nuove infezioni. Sono numeri equivalenti a quelli di un vaccino”. La campagna, firmata da Pablo Iabichino e con gli scatti di Daniele Barraco, rimarrà affissa e visibile nelle città per due settimane. Per quanto riguarda l’Aids, “l’emergenza è cambiata perché prima si trattava di salvare vite umane. – ha spiegato Federico Torzo, segretario nazionale Anlaids -. Oggi questo aspetto è meno rilevante perché ci sono cure efficaci che consentono a chi è malato una qualità della vita e una durata pari a quella delle altre persone. Oggi la necessità è quella di sconfiggere il virus, bloccandone la diffusione”. Il messaggio è quindi quello di fare il test, che si può trovare anche in farmacia, e prevenzione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Hiv, fatti e stereotipi: i video dell’Osservatorio AiDS per smentire i luoghi comuni più diffusi

next
Articolo Successivo

Aborto terapeutico, non solo obiezione. Poca formazione e donne costrette a passaparola: gli ostacoli dopo i 90 giorni

next