“Se la mia assenza al momento della votazione è stata interpretata come una presa di distanza dal provvedimento? Bè, avete interpretato bene”. A rivendicarlo il presidente della Camera Roberto Fico a margine del convegno sui beni comuni in corso all’Accademia dei Lincei a proposito dell’assenza nel corso della votazione sul Decreto Sicurezza, passato in via definitiva alla Camera. “Perché non ha parlato prima? Rispetto il mio ruolo istituzionale”, si è difeso Fico. Per poi rilanciare su un altro tema di divisione tra M5s e Lega, il Global Compact.: “Bisogna aderire? Assolutamente sì. Ritengo che l’Italia dovrebbe dire sì al global compact ed invito tutti a leggersi davvero il contenuto di questo accordo, perché, tra l’altro,ci consentirebbe di non restare soli nella gestione del fenomeno dell’immigrazione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Decreto Sicurezza, Fico: “Ho preso le distanze? Avete interpretato bene. Global compact? Bisogna aderire assolutamente”

next
Articolo Successivo

Regeni, Fico: “Camera compatta su stop a rapporti con Egitto. Conte ha frenato? No, lo sentirò”

next