Era il 3 maggio 2016 quando l’allora sindaco di Lodi, Simone Ugetti, eletto con il Partito democratico, veniva travolto dall’inchiesta sugli appalti per la gestione delle piscine comunali rompendo la tradizione di solide giunte di centrosinistra che dal 1995 in poi governavano ininterrottamente la città. A due anni e mezzo di distanza, il giudice Lorenza Pasquinelli ha condannato a dieci mesi di carcere e 300 euro di multa l’ex primo cittadino per turbativa d’asta. La gara della primavera 2016 per l’affidamento per sei anni della gestione delle piscine scoperte del Belgiardino e di via Ferrabini era irregolare.

L’ex sindaco è stato condannato anche a risarcire i danni patrimoniali e non patrimoniali al Comune di Lodi, da liquidarsi in separato giudizio. Il Tribunale di Lodi ha riconosciuto il diritto del Comune a ottenere un risarcimento dagli imputati nonostante quest’ultimo, basandosi su una consulenza esterna che aveva escluso vi fossero danni, aveva deciso di non costituirsi in giudizio. A rappresentare i diritti dell’ente, un privato cittadino, Massimo Casiraghi, diventato nel frattempo consigliere comunale del Movimento 5 Stelle: “Per la prima volta in Italia un tribunale ha riconosciuto che l’inerzia dell’ente locale chiamato a costituirsi parte civile sussiste anche quando l’ente, pur attivandosi per valutare il caso, dichiara di non costituirsi”. “In altri procedimenti invece – spiega Casiraghi – la costituzione dei cittadini per azione popolare non era stata ammessa dal giudice semplicemente perché l’ente si era espresso”. “Ora chiederemo al tribunale civile la quantificazione dei danni patiti dalla città”, conclude il consigliere.

Uggetti ha già annunciato che impugnerà la sentenza in appello: “Questo dibattimento non è stato vano – ha detto – e ha portato luce e verità ai fatti, ma siamo ancora in attesa della giustizia”. Il suo avvocato, Pietro Gabriele Roveda, ha spiegato: “Finché non ci tolgono la possibilità di andare in appello e Cassazione, ci andremo”, aggiungendo che a suo parere la vicenda non giustificava l’arresto di Uggetti, rimasto nel carcere di San Vittore per dieci giorni. Pene minori sono state inflitte ai tre coimputati per concorso nella stessa accusa.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giulio Regeni, Procura di Roma strappa con Il Cairo: indagherà cinque agenti dei Servizi egiziani su omicidio e depistaggio

next
Articolo Successivo

Caso Magherini, Cassazione: “Carabinieri assolti perché non potevano prevedere la sua morte”

next