Un governo Frankenstein e un’opposizione che non si oppone tra l’agonia tragicomica di un Pd ancora in cerca d’autore, un Berlusconi a fasi alterne e gli “intellettuali” che con Renzi stavano zitti e adesso giocano ai ribelli. Con Salvini e Di Maio al potere, tutto quello che valeva fino a pochi mesi fa non conta più. Prima c’erano i gattopardi, ora dichiarati e ora travestiti (malissimo) da innovatori. Adesso ci sono gli scavezzacollo, i populisti, i sovversivi. Da una parte quasi tutta l’informazione, pronta a enfatizzarne ogni errore. Dall’altra un ambizioso “governo del cambiamento” che si sforza di stare unito al punto da smussare le distanze su grandi opere, prescrizione, sicurezza e immigrazione. Il Salvimaio va avanti tra il “sovranismo livido” della Lega e il “giustizialismo moralista” dei 5 Stelle, con Conte a far da collante. Ma quanto può durare? E con quali conseguenze per un Paese sempre più spaccato e alle prese con una manovra economica malvista da Bruxelles?

Il libro di Andrea Scanzi in soli due mesi è già diventato un best seller e uno spettacolo teatrale che registra sold out in ogni data. La Paper First, la collana di libri del Fatto Quotidiano, dal 29 novembre all’8 dicembre dà la possibilità di acquistare l’ebook di Salvimaio a un prezzo speciale di 5,49 euro

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Caro Di Maio, te li do io gli 11 miliardi che ti mancano!

prev
Articolo Successivo

Reddito di cittadinanza, il mistero delle tessere. Gruber a Laura Castelli: “Le sta stampando il Poligrafico?”. “Forse…”

next