Schiaffeggiava spintonava bambini tra i 2 e i 5 anni suoi alunni. Per questo un maestro di una scuola dell’infanzia di Pero, in provincia di Milano, è stato arrestato per maltrattamenti su minori. L’uomo è ora ai domiciliari.

Quarantadue gli episodi violenti registrati dalle telecamere nascoste installate dai carabinieri. La misura, richiesta dalla Procura del capoluogo lombardo, è arrivata al termine di un’indagine durata circa un mese.

Solo due giorni fa, il 27 novembre, il consiglio della Regione Lombardia, dopo l’ok della giunta dello scorso agosto, ha approvato uno stanziamento di 600mila euro per installare la videosorveglianza in tutti gli asili nido. Ferma alla Camera, invece, la proposta a livello nazionale.

Una vicenda che ha innescato un’inevitabile tensione. “Ridateci i nostri bambini” hanno urlato i genitori venuti a ritirare i proprio figli nel pomeriggio. “Non ci crediamo che qui nessuno si fosse accorto di nulla”. Secondi quanto hanno raccontato gli stessi genitori già in passato c’erano state delle rimostranze contro quel maestro, ma che nessuno le aveva prese in considerazione. “Molti di noi – hanno detto alcune mamme – stanno valutando se continuare a portarli qui o fargli cambiare scuola. Domani sicuramente li terremo a casa“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Galleria della Guinza: 6 km di incompiuta da 30 anni e 120 milioni di euro (e più). Ora indaga la Corte dei Conti

next
Articolo Successivo

Papa Francesco e la lotta contro lo Ior. Così Marcinkus aleggia ancora sulla banca vaticana

next