“Il piano di evacuazione regionale dei Campi Flegrei non è affidabile”. A dirlo il vulcanologo americano Flavio Dobran durante l’illustrazione alla stampa del progetto Vesivius– Campi Flegrei Pentalogue, le cinque azioni da realizzare per rendere resiliente e sostenibile il territorio napoletano. Il ricercatore americano si è soffermato sulle criticità del Piano di evacuazione regionale dei Campi Flegrei mentre visitava, insieme a un pool di esperti, tra cui il vulcanologo napoletano Claudio Scarpati, le aree cosiddette critiche, quelle adiacenti ai vulcani di Nisida e di Trentaremi. Il messaggio che Dobran lancia è chiaro: “Né Protezione civile, né Regione Campania mi ascoltano nonostante i rischi da me più volte formulati già 20 anni fa. Pensare di evacuare contemporaneamente circa 800mila persone è sbagliato, la concezione di dover andare tutti quanti via in massa è sbagliata”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Specie invasive, la situazione è sfuggita di mano. Provare a limitarle è una battaglia persa

prev
Articolo Successivo

Caserta, acque delle fogne nel Volturno: ex sindaci di Capua indagati per disastro

next