Del tema si discute da anni ma ora, con la Brexit, la Francia rimarrà l’unico Paese dell’Unione europea con un seggio permanente al Consiglio di sicurezza dell’Onu. Per questo il ministro delle Finanze tedesco, Olaf Scholz, nel suo discorso sull’Europa all’Università Humboldt a Berlino, ha proposto che “a medio termine il seggio della Francia” possa “diventare un seggio della Ue. In cambio l’ambasciatore Ue alle Nazioni Unite potrebbe essere sempre un francese”. Per il vicecancelliere, “se si vuole fare sul serio con l’Unione europea, allora l’Ue deve parlare con una voce sola anche al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Mi è chiaro – ha aggiunto – che con Parigi c’è bisogno ancora di un lavoro di convincimento in questo senso, ma sarebbe un obiettivo audace e intelligente”.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Shoah, le ferrovie olandesi risarciscono i parenti degli ebrei deportati: anche Anna Frank aveva viaggiato sui loro treni

next