Interruzione di pubblico servizio, resistenza a pubblico ufficiale e imbrattamento. Con queste accuse, 44 No Tav sono stati condannati dal giudice del Tribunale di Bologna, Renato Poschi, per fatti risalenti al 27 febbraio 2012.

Quel giorno, durante un corteo contro l’Alta velocità Torino-Lione, i manifestanti – appartenenti a collettivi e centri sociali – occuparono per una ventina di minuti i binari della stazione ferroviaria del capoluogo emiliano entrando anche in contatto con le forze dell’ordine.

Il giudice ha condannato i 44 a pene che vanno dai 15mila euro di multa a testa, in sostituzione di una condanna a 60 giorni di carcere, a un anno di reclusione. Cinque le assoluzioni. Il pm Antonello Gustapane aveva chiesto per tutti pene da un minimo di 6 mesi a un massimo di un anno e 10 mesi.

Prescritti alcuni reati come l’accensione pericolosa di fumogeni, manifestazione non autorizzata e, in un caso, l’accusa di travisamento. Le persone condannate per interruzione di pubblico servizio dovranno, inoltre, risarcire “25mila euro complessivi” di danni a Rfi, che si era costituita parte civile.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Silvio Berlusconi, Corte europea dei diritti dell’uomo archivia ricorso su legge Severino. Come voleva l’ex premier

prev
Articolo Successivo

Lega, Salvini non querela i Bossi. Denunciato soltanto Belsito. Così il Carroccio ha graziato il fondatore

next