Ho votato 5 Stelle alle passate elezioni perché in loro ho visto una immagine credibile e per voltare pagina, come hanno fatto milioni di italiani”. Sono le parole di Salvatore Pizzo, detto Sasà, intervistato da Giuseppe Cruciani a La Zanzara (Radio24). L’uomo, che ha accusato il padre del vicepresidente del Consiglio Luigi Di Maio di averlo pagato in nero, nega di aver votato 5 Stelle per ricevere il reddito di cittadinanza: “No, non mi serve. A me la politica non è mai servita. Io mi sono sempre rimboccato le maniche e ho lavorato onestamente. Io non ho denunciato il padre di Di Maio per uno scopo politico. L’ho fatto perché ho avuto un diverbio con un grillino sui social. Non mi è piaciuto il discorso di Di Maio sull’onestà. Perché mi sono deciso dopo tutti questi anni? Perché mi sono stufato di sentire sempre ‘onestà, onestà, onestà’. Questa parola mi ha fatto rabbia e così sono esploso”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Decreto Sicurezza, ok alla fiducia alla Camera: 336 sì, 249 no. Salvini: “La legge porterà più ordine nelle città”

prev
Articolo Successivo

Di Maio e lavoro nero, Di Battista: “Renzi e Boschi? Hanno la faccia come il culo. Luigi è un signore”

next