Ho votato 5 Stelle alle passate elezioni perché in loro ho visto una immagine credibile e per voltare pagina, come hanno fatto milioni di italiani”. Sono le parole di Salvatore Pizzo, detto Sasà, intervistato da Giuseppe Cruciani a La Zanzara (Radio24). L’uomo, che ha accusato il padre del vicepresidente del Consiglio Luigi Di Maio di averlo pagato in nero, nega di aver votato 5 Stelle per ricevere il reddito di cittadinanza: “No, non mi serve. A me la politica non è mai servita. Io mi sono sempre rimboccato le maniche e ho lavorato onestamente. Io non ho denunciato il padre di Di Maio per uno scopo politico. L’ho fatto perché ho avuto un diverbio con un grillino sui social. Non mi è piaciuto il discorso di Di Maio sull’onestà. Perché mi sono deciso dopo tutti questi anni? Perché mi sono stufato di sentire sempre ‘onestà, onestà, onestà’. Questa parola mi ha fatto rabbia e così sono esploso”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Decreto Sicurezza, ok alla fiducia alla Camera: 336 sì, 249 no. Salvini: “La legge porterà più ordine nelle città”

next