Per il nono anno consecutivo la società Innova et Bella compila la classifica mondiale delle testate giornalistiche su Facebook: il campione posto sotto osservazione comprende i principali 60 quotidiani nazionali stampati in Europa e negli Stati Uniti. In Italia, Il Fatto Quotidiano anche nel 2018 conferma il suo primato su Facebook. La nona ricerca della società di consulenza strategica I&B posiziona il nostro giornale al primo posto tra le testate giornalistiche italiane sul social. Ecco con quale motivazione:

“Il Fatto Quotidiano perde qualche posizione guadagnata lo scorso anno (era all’11 posto nel 2017) e si colloca nel 2018 al 14 posto della classifica globale conservando il rating A. Sempre premiante per il Fatto Quotidiano lo spazio dedicato alle storie dei lettori e alla possibilità di partecipare al dialogo e all’interazione con i giornalisti della testata. Invariato il record internazionale del rapporto likers e diffusione: sono 61 i likers per ogni copia diffusa nel 2018, erano 60 nel 2017 e 54 nel 2016. Più lento invece, l’incremento dei likers della pagina Facebook che passano da 2,1 milioni nel 2017 a 2,2 milioni nel 2018”.

Inoltre I&B assegna al Fatto Quotidiano un rating A: “un brand con questa valutazione sviluppa su Facebook superiori capacità relazionali. Le sue strategie e le sue pratiche di relazione sono valutabili come superiori alla media dei competitori del suo settore”.

Giornali e social: la ricerca si sofferma ad analizzare il mutamento di scenario di questi ultimi 8 anni e dice: “da quando nel 2011 Innova et Bella ha avviato il monitoraggio delle strategie Facebook delle principali 60 testate europee e statunitensi, i loro likers Facebook sono cresciuti da 5 milioni a oltre 140 milioni. Nello stesso periodo le copie diffuse dalle stesse testate, su carta e supporto digitale, sono scese dai 30,8 milioni di copie del primo anno ai 23,7 milioni di quest’anno. Prosegue nel 2018 il calo diffusionale dei 60 principali quotidiani europei e statunitensi. La diffusione è scesa a 23,7 milioni di copie, perdendo 1,2 milioni di copie rispetto ai 24,9 milioni di copie registrate nel 2017. Dal 2011 il campione scelto da I&B ha perso quasi un terzo delle copie: oltre 7 milioni. La discesa è stata costante, 29,7 milioni nel 2012, 28,2 milioni nel 2013, 28 milioni di copie nel 2014 e nel 2015, 26 milioni nel 2016, 24,9 milioni nel 2017 fino ai 23,7 milioni attuali”.

Facebook, la crescita dei like frena per la prima volta: “nello stesso periodo i likers Facebook degli stessi quotidiani continuano a crescere. Dai 4,7 milioni nel 2011 ai 12,8 milioni fino ai 132 milioni nel 2017 fino a superare i 144 milioni del 2018. Dal 2011 l’aumento è stato dunque esponenziale, ma per la prima volta nel 2018 la crescita rallenta”.

La classifica completa: “ai primi posti della classifica internazionale 2018 di Innova et Bella, che considera le best practices dei giornali osservati sul social network, troviamo quest’anno: The New York Times, The Guardian (il giornale europeo conquista la prima volta il podio), The Washington Post, USA Today e El País. Al primo posto della Classifica Italiana, e quattordicesimo nel mondo, si conferma il Fatto Quotidiano.  Al secondo posto della Classifica Italiana troviamo la Repubblica, mentre al terzo posto il Corriere della Sera“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rai, martedì i direttori di rete: De Santis prima donna alla guida di Rai1. Freccero per Rai2. Coletta confermato a Rai3

prev
Articolo Successivo

No, cara Repubblica, niente inganni: la stampa italiana non è sotto assedio

next