Nel 2013 bloccarono l’autostrada A32 Torino-Bardonecchia durante una manifestazione contro l’Alta velocità Torino-Lione. Per questo, secondo l’accusa, in venti meritavano un totale di 67 anni di reclusione. Il tribunale di Torino li ha invece assolti.

Gli attivisti No Tav rispondevano di interruzione di pubblico servizio, danneggiamento e, poiché durante il blocco alcuni copertoni erano stati dati alle fiamme, di incendio. Gli imputati erano quasi tutti della Val di Susa.

“Quel blocco dell’autostrada, di per sé, non poteva essere considerato una interruzione di pubblico servizio”, afferma uno dei difensori degli attivisti, Emanuele D’Amico. “Abbiamo sostenuto questa tesi alla luce della giurisprudenza in materia è il tribunale ci ha dato ragione: il fatto non costituisce reato“, spiega il legale. “Quanto all’incendio dei copertoni – aggiunge – non c’era nessuna prova che gli autori fossero stati gli imputati“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Strage di Viareggio, al via l’appello: altri reati a rischio prescrizione. E dal 2009 (quasi) nulla è cambiato in tema di sicurezza

next
Articolo Successivo

Conflitto d’interessi, Cantone: “Abbiamo bisogno di legge che riguardi non solo la politica ma anche l’amministrazione”

next