Nel 2013 bloccarono l’autostrada A32 Torino-Bardonecchia durante una manifestazione contro l’Alta velocità Torino-Lione. Per questo, secondo l’accusa, in venti meritavano un totale di 67 anni di reclusione. Il tribunale di Torino li ha invece assolti.

Gli attivisti No Tav rispondevano di interruzione di pubblico servizio, danneggiamento e, poiché durante il blocco alcuni copertoni erano stati dati alle fiamme, di incendio. Gli imputati erano quasi tutti della Val di Susa.

“Quel blocco dell’autostrada, di per sé, non poteva essere considerato una interruzione di pubblico servizio”, afferma uno dei difensori degli attivisti, Emanuele D’Amico. “Abbiamo sostenuto questa tesi alla luce della giurisprudenza in materia è il tribunale ci ha dato ragione: il fatto non costituisce reato“, spiega il legale. “Quanto all’incendio dei copertoni – aggiunge – non c’era nessuna prova che gli autori fossero stati gli imputati“.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Strage di Viareggio, al via l’appello: altri reati a rischio prescrizione. E dal 2009 (quasi) nulla è cambiato in tema di sicurezza

next
Articolo Successivo

Conflitto d’interessi, Cantone: “Abbiamo bisogno di legge che riguardi non solo la politica ma anche l’amministrazione”

next