“Al fine di rispondere a criticità sul piano sociale, la manovra sceglie di concentrare risorse su limitati interventi. Tale polarizzazione si traduce tuttavia in una carenza di risorse per affrontare nodi irrisolti e (o) per garantire un adeguato livello dei servizi in comparti essenziali per la collettività“. Così Angelo Buscema, presidente della Corte di Conti, nel corso di un’audizione alle Commissioni riunite Bilancio di Camera e Senato. In merito al reddito di cittadinanza, ha invece sospeso il giudizio: “Il 44% della manovra (oltre l’86% della maggiore spesa corrente) la parte che riguarda reddito di cittadinanza e revisione del sistema pensionistico, troverà attuazione in provvedimenti collegati, presentati in seguito: la valutazione potrà essere condotta solo quando saranno note le caratteristiche degli interventi previsti e si potrà apprezzare l’adeguatezza delle risorse stanziate”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Casalino si scusa per le parole sui down: “Non mi riconosco in quelle parole, sono un pugno nello stomaco”

next