L’ultimo passo verso il ridicolo della cosiddetta sinistra italiana si chiama “fascistometro”. E’ un test che intende misurare, teoricamente con ironia e di fatto con spocchia, il fascismo che è in noi.

Sessantacinque frasi, luoghi comuni, slogan. Con questo test inedito, partorito dalle menti naziste del Fatto, potrete invece appurare quanto siate di sinistra e dunque superiori al vile volgo. In alcuni casi le frasi sono volutamente identiche a quelle del Fascistometro, perché spesso il “Giusto di Sinistra” è più fascista dei fascisti. Se per esempio Lenin avesse fatto il Fascistometro, sarebbe risultato più nero di Farinacci. Per la cronaca ho fatto il test anch’io, ma ho raggiunto mestamente il livello minimo di fascismo. Ci sono rimasto male e, per divenire un perfetto balilla anziano, sto prendendo in questi giorni lezioni da Belpietro e Crosetto.

Spuntate tutte le frasi che vi sembrano di buon senso, scorrete fino in fondo e cliccate il bottone per vedere il risultato. Siete Miseri Toninelli, Quasi Nardella, Groupie di Repubblica, Veri
Augias o Subcomandanti Murgia?

Crea la tua indagine per il feedback degli utenti

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ambiente, Mercalli: “M5s? Ottimo programma. L’ambientalismo da salotto è quello dei complottisti”

prev
Articolo Successivo

È nata Beatrice, figlia del nostro collega Luigi e della sua compagna Anna

next