Alle 4.45 della notte tra sabato e domenica è scoppiato un incendio all’ospedale San Pietro di via Cassia a Roma. A causare le fiamme è stato un cortocircuito al generatore del blocco operatorio che ha sprigionato un’alta colonna di fumo ma nessuno è rimasto ferito. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco, che hanno presto domato le fiamme, ed è stata istituita prontamente l’Unità di crisi coordinata dall’Ares 118. A causare maggiori problemi è stato però il fumo, che ha raggiunto anche il reparto di rianimazione e ha reso necessario il trasferimento di alcuni pazienti ricoverati, tra cui anche 12 neonati. 

Secondo fonti della direzione però, si sta lavorando per il trasferimento in altre strutture limitrofe di tutti e 400 i degenti del San Pietro che da questa notte è rimasto senza corrente elettrica. Sul posto si stanno recando per verificare la situazione l’Assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato e il Direttore Sanitario dell’Ares 118, Domenico Ientile. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trieste, allarme sicurezza per l’arrivo di Mattarella. Due cortei: da una parte Casapound, dall’altra gli antifascisti

next
Articolo Successivo

Maltempo Veneto, il Cadore visto dall’alto. Le immagini della devastazione sono impressionanti

next