L’aveva promesso in campagna elettorale con un video postato sui social. Eppure nella manovra Matteo Salvini manca una promessa elettorale: il taglio delle accise che pesano sul costo del carburante portando l’Italia ad avere “la benzina più cara d’Europa”. Oggi Salvini, intervenuto all’Assemblea degli armatori italiani a Roma, prova a giustificarsi: “Non sono al governo da solo”. Colpa dei 5 Stelle? “No – chiarisce il leader della Lega – ma se tu metti 10 miliardi sul reddito di cittadinanza – e prova a rinverdire la promessa elettorale – lo faremo nel corso del 2019, abbiamo cinque anni davanti”. Ma intanto il vicepresidente del Consiglio e Ministro dell’Interno sbaglia il costo attuale di un litro di benzina verde: “Un euro e quattro”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tap e Tav non rilanceranno l’economia. E nemmeno l’opposizione

next
Articolo Successivo

Segreteria Cgil, Landini: “Al servizio dell’organizzazione. Ho accettato la proposta, ma non ci ho dormito la notte”

next