Piuttosto che chiedere aiuto ai partner europei, il governo italiano dovrebbe attingere all’ampio risparmio privato dei suoi cittadini costringendoli ad investire in titoli di Stato una fetta consistente del loro patrimonio. E’ la provocatoria ricetta proposta dall’economista della Bundesbank Karsten Wendorff alla Frankfurter Allgemeine Zeitung. “Invece di un fondo europeo che compri i titoli di Stato italiani e che sarebbe in ultima analisi finanziato dei contribuenti europei – scrive Wendorff – si dovrebbe dare vita a un fondo nazionale, che comprerebbe i titoli di Stato”.

Il fondo, prosegue l’economista (che parla “a titolo personale”, come precisato dalla banca centrale tedesca), sarebbe finanziato da “bond nazionali di solidarietà” che le famiglie italiane sarebbero obbligate a comprare per un ammontare pari al 20% della loro ricchezza netta. A questo ritmo, secondo Wendorff, “quasi la metà del debito pubblico potrebbe essere convertito in bond di solidarietà”.

A giudizio di Wendorff, l’Italia non ha bisogno di soccorso sul debito perché non è un paese povero e non deve essere considerata “il giocattolo” dei mercati finanziari. Quindi la via d’uscita è fare in modo che “i contribuenti italiani siano responsabili dei debiti del proprio Paese”: in questo modo “gli elettori italiani sarebbero direttamente coinvolti nella soluzione dei problemi, che dipenderebbe dalla loro capacità finanziaria. Questo rafforzerebbe la fiducia futura in una sana politica di bilancio e un problema nazionale sarebbe risolto dalla solidarietà nazionale”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Spread, che vantaggi se la Bce vara una operation Twist? Interessi più bassi, ma senza tagli di spesa la tregua sarà fragile

next