Disagio e degrado non solo in via dei Lucani ma in tutto il quartiere di San Lorenzo, a due passi dal centro di Roma. Lì dove Desirèe Mariottini è stata uccisa. Ieri sera una fiaccolata per ricordarla proprio in via dei Lucani.”Ma scrivetelo, che non è solo questo“, dicono gli abitanti storici. “San Lorenzo è un quartiere sporco e buio che ha tanti lati bellissimi”. Ma è un “luogo storico con un’identità e qualità morali che andavano conservate. E invece si è disperso tutto”, dice il presidente del comitato di quartiere, Emanuele Venturini. “È un quartiere che ha voglia di riscatto”, fa eco la presidente del II municipio, Francesca Del Bello. San Lorenzo un tempo rossa – “Era. Ora la sinistra è morta” . “Qui non ci sono più le famiglie, ci sono tanti studenti per la vicina università. E c’è tanto spaccio. Di giorno è un’isola pedonale tranquillissima. La notte la piazza diventa luogo di spaccio e sballo. E la polizia non c’è”. “Il 5% di persone hanno rovinato un intero quartiere di famiglie che tuttora abita qui”, dice Patrizio, ristoratore nato e cresciuto in zona. “Non è che la gente può scappare per loro. Che però è diventata molesta

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Milano, centinaia in fila per trovare un donatore di midollo per il piccolo Alessandro: l’appello partito dai social

prev
Articolo Successivo

Terremoto Grecia, scossa magnitudo 6.8 nel mar Ionio: nessuna vittima, maggiori danni a Zante. Avvertita anche in Italia

next