Duplice omicidio a Sesto Fiorentino, in provincia di Firenze. Salvatore Andronico, di 66 anni, e il figlio Simone di 31, sono stati ammazzati a colpi di pistola da un vicino. L’autore del delitto, Fabrizio Barna, 53 anni, si è lasciato arrestare dai carabinieri senza opporre resistenza. È accaduto in via dei Grilli, all’altezza del numero 5.

Il tutto è accaduto fuori da una casa colonica, che padre e figlio stavano ristrutturando. Barna, disoccupato, è stato descritto come un uomo solitario, che aveva da poco perso i genitori. Era in possesso di una pistola regolarmente denunciata. A scatenare il duplice omicidio, pare, una serie di liti di vicinato dovute ai rumori causati dalla ristrutturazione. A scoprire i corpi è stata un’altra vicina, che, sentiti gli spari, è andata verso il piccolo cantiere per verificare cosa fosse successo. Alla vista dei cadaveri la donna ha avuto un malore, così come la moglie e madre delle due vittime. Sono state entrambe soccorse e portate all’ospedale.

I carabinieri hanno accertato che un paio di mesi fa le due vittime si erano rivolte all’ufficio di mediazione sociale, un’iniziativa locale promossa dal Comune di Sesto Fiorentino, segnalando le minacce del vicino. È emerso che i litigi erano iniziati all’avvio dei lavori di ristrutturazione, risalente allo scorso gennaio. Gli operatori sociali avevano inviato una lettera a Barna, per incoraggiare un tentativo di conciliazione.

Subito dopo l’omicidio, sul posto sono intervenuti i carabinieri e personale del 118. Il sostituto procuratore Christine von Borries, magistrato di turno, ha raggiunto il piccolo gruppo di case per un sopralluogo. L’area è stata delimitata e circoscritta per evitare l’accesso durante i rilievi. Familiari e conoscenti, ha detto il pubblico ministero, saranno sentiti dagli investigatori per testimoniare a proposito del comportamento di Barna negli ultimi mesi. Il cantiere e la casa dov’è avvenuto il delitto sono stati sottoposti a sequestro.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Foggia, 18enne soccorso da agenti: “Mi ha pestato un buttafuori”. È grave

next
Articolo Successivo

Roma, 16enne trovata morta in uno stabile occupato da spacciatori: “Cercava il tablet che le avevano rubato”

next