Che ci fa Ermete Realacci, già parlamentare del Partito democratico e storico ambientalista di sinistra, al convegno Ambiente e Lavoro organizzato da CasaPound Italia alla Biblioteca Angelica a due passi da Palazzo Madama a Roma? “Mi hanno invitato, ho accettato, perché da sempre io mi confronto con tutti”. Anche con chi si proclama “fascista del terzo millennio”? “Anche. Ci sono cose enormi che mi separano da CasaPound. Ma ho partecipato alle discussioni più difficili, da sempre, e non me ne pento. Certo, non in maniera remissiva”.

Parole come patria, sovranismo, identità, tornano ad affollare il linguaggio della sinistra. “E ne sono ben contento”, dice Simone di Stefano, segretario nazionale di CasaPound Italia. “È un bene se la sinistra torna a fare la sinistra. E no, non è un salire sul carro dei vincitori e parlare una lingua oggi popolare: le idee sono quelle, l’importante è che si arrivi al nocciolo della questione e non importa se arrivano da destra o sinistra, categorie ormai vecchie”. “Parto dalle lettere dei martiri della Resistenza – dice Realacci -. Leggiamole. Non morivano per astratte ideologie: morivano per queste cose qui. Per la patria. Il recupero dell’identità è la base del futuro”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Manovra, governo a caccia della manina sulla pace fiscale. Conte: “Nessuna frattura tra M5s e Lega, controllerò io il testo”

next
Articolo Successivo

Manovra, i leader europei di traverso. Juncker: “No altra flessibilità a Roma”. Kurz: “Nessuna comprensione per Italia”

next