La sindaca di Roma Virginia Raggi ha richiesto agli uffici competenti la rimozione dei manifesti omofobi parte della campagna nazionale della onlus Provita e di Generazione famiglia. Il Comune ha sottolineato che il messaggio e l’immagine veicolati dai cartelloni – mai autorizzati da Roma Capitale e dal Dipartimento di competenza – violano le prescrizioni previste al comma 2 dell’art. 12 bis del Regolamento in materia di Pubbliche affissioni che vieta espressamente esposizioni pubblicitarie dal contenuto lesivo del rispetto di diritti e libertà individuali.

I manifesti raffigurano due uomini, individuati come genitore 1 e genitore 2, che spingono un carrello con dentro un bambino disperato col codice a barre sul petto. Le associazioni promotrici hanno risposto parlando di “obbedienza agli ordini della Cirinnà via twitter – che ti ha dettato di richiamare il codice etico di #RomaCapitale – e alle lobby Lgbt“.

“Caro sindaco, ti diciamo noi chi è il vero offeso del manifesto – attacca Antonio Brandi presidente di Pro Vita – E’ il bambino, messo in vendita per coppie gay e destinato ad essere strappato dalla madre che lo ha partorito”. Per Jacopo Coghe, presidente di Generazione Famiglia “i bambini non sono prodotti. Roma sprofonda nel degrado e le priorità del Sindaco sono le trascrizioni illegali all’anagrafe dei ‘figli di coppie dello stesso sessò e la rimozione coatta di manifesti che stigmatizzano una pratica, quella dell’utero in affitto, illegale in Italia. E’ totalitarismo Lgbt”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

I nuovi Re di Roma

di Il Fatto Quotidiano 6.50€ Acquista
Articolo Precedente

Migranti, Amnesty denuncia: “Violazioni sistematiche. Governo francese smetta di fare orecchie da mercante”

next
Articolo Successivo

Da Pari Opportunità a matriarcato, perché chi rivendica la supremazia delle donne mi fa inorridire

next