La benzina cambia nome: dal 12 ottobre, per identificare i carburanti saranno obbligatori etichette e sigle. È l’effetto di un regolamento europeo del 2014, recepito in Italia nel 2017, che vuole facilitare gli automobilisti a scegliere il carburante adatto anche in Paesi diversi dal proprio. Così la benzina sarà identificata da un’etichetta circolare con la lettera E, il diesel avrà un’etichetta quadrata con le sigle B7 B10 (dove il numero indica la percentuale di biodiesel) o XTL (per il gasolio sintetico) e i carburanti gassosi un’etichetta a forma di rombo con le sigle H2 (idrogeno), CNG (gas naturale compresso), LPG (Gpl) e LNG (gas naturale liquefatto). Ancora da definire, invece, le etichette per i veicoli elettrici e ibridi che indicheranno all’utente le modalità di ricarica più adatte.

Le etichette compariranno in tutti i 28 stati Ue, nei Paesi dello Spazio economico europeo (Islanda, Liechtenstein e Norvegia) ma anche in Serbia, Macedonia, Svizzera e Turchia. Saranno applicate sia sul distributore di carburante che sulla pistola, ma resteranno comunque affiancate a quelle tradizionali. Dovranno, inoltre, comparire accanto al tappo del serbatoio sui veicoli immatricolati o immessi sul mercato a partire da 12 ottobre.

“Questa normativa – commenta il presidente di Faib-Confesercenti, Martino Landi – avvicinerà la rete italiana agli standard europei, dando al consumatore certezza sulla qualità e composizione dei prodotti che immette nel serbatoio del proprio veicolo. Inoltre incentiverà la razionalizzazione/ammodernamento della rete”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Inps e premi per chi taglia le invalidità? “Polemica sul nulla”. Boeri minimizza nonostante l’intervento di ministro e medici

prev
Articolo Successivo

Con l’elettrico siamo in ritardo. I Nobel e l’Onu ce lo stanno ricordando

next