Gaffe della consigliera regionale del Pd, Alessandra Moretti, nel corso di Dimartedì (La7). Viene mostrata una breve intervista al ministro dell’Interno, Matteo Salvini, all’uscita da Palazzo Chigi, pochi minuti dopo la bocciatura della nota di aggiornamento al Def da parte dell’ufficio parlamentare del Bilancio. Il vicepresidente del Consiglio, che indossa una camicia della Marina militare, ribadisce che il governo gialloverde va avanti e sfodera, non per la prima volta, una frase resa nota da Benito Mussolini che la pronunciò durante un discorso pubblico (anche se probabilmente ha origini più antiche): “Chi si ferma è perduto”. Il conduttore, Giovanni Floris, ripete ironicamente la citazione e chiede ad Alessandra Moretti cosa ne pensa. L’ex deputata del Pd risponde: “A me sembra che questo sia il governo degli annunci, proprio perché parte da una manovra assolutamente vaga e priva di numeri e di certezze”. “Sì, ma l’ha sentito?” – insiste Floris – “Ha detto: ‘Andiamo avanti, chi si ferma è perduto'”. “Sì, ma questi sono i soliti annunci” – risponde Moretti – “‘Chi si ferma è perduto’ è una bellissima frase, però di fatto agli italiani non porta niente“. E, tra gli ospiti in studio, qualcuno mormora: “No…”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Davigo: “Finanziamento pubblico partiti? Abolirlo è stato un errore. Daspo per corrotti? Non serve a niente”

prev
Articolo Successivo

M5s, Fraccaro: “Toninelli? Tutti parlano di sua gaffe ma sta lavorando bene. Madre Taverna? Regole vanno rispettate”

next