“Non possiamo essere sicuri che il progetto rispetterà i nostri principi sull’intelligenza artificiale“. Con questa motivazione Google si è chiamata fuori da Jedi (Joint Enterprise Defense Infrastructure Cloud), un bando del Pentagono da 10 miliardi di dollari per lo sviluppo di un cloud commerciale in grado di contenere tutti i dati della Difesa statunitense. Il codice etico della compagnia, infatti, vieta l’implicazione in progetti militari. “Inoltre – proseguono dall’azienda – l’appalto richiede certificazioni governative di cui non siamo in possesso”.

La decisione è arrivata dopo che nei mesi scorsi i lavoratori di Google avevano duramente protestato, arrivando in alcuni casi anche a dimettersi, contro la partecipazione dell’azienda allo sviluppo di tecnologie militari per il governo Usa, tra cui i cosiddetti ‘killer robot’. Il ritiro è stato rivendicato come un successo dalla Tech Workers’ coalition, unione sindacale dei lavoratori della tecnologia. “Google aveva tutte le intenzioni di partecipare a questo appalto, e se possibile vincerlo – scrive il gruppo su Facebook – l’unica ragione per cui si sono ritirati è che i lavoratori hanno preso posizione. Speriamo che sia solo il primo risultato della lotta dei lavoratori della tecnologia per inchiodare la compagnia alle proprie responsabilità verso i diritti umani“.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ecco i nuovi smartphone Android di Google: Pixel 3 e 3 XL. La sfida agli iPhone XS e XS Max è a colpi di fotografie

next
Articolo Successivo

Adesso Instagram individua atti di bullismo anche nelle foto

next