Il referendum è fallito, la Costituzione romena resta com’è. Nonostante l’appoggio di quasi tutte le forze politiche, la consultazione che voleva cambiare la carta fondamentale del Paese – specificando che il matrimonio è l’unione tra uomo e donna, e non “tra due sposi” come recita il testo – non ha raggiunto il quorum del 30 per cento degli aventi diritto al voto. Alle 21 di domenica, a urne chiuse, secondo l’ufficio elettorale centrale ha votato solo il 20,4 per cento. L’affluenza è arrivata appena al 5,72% sabato, nella prima giornata di votazioni, per poi salire all’11,67% alle 13 di domenica e al 15,21% alle 16.  Esultano le associazioni Lgbt, che avevano invitato al boicottaggio e temevano un rafforzamento della già forte discriminazione nella società romena.

La Coalizione per la famiglia, un’alleanza di sigle conservatrici che aveva sponsorizzato il referendum, ha accusato i partiti del “boicottaggio generale” del voto. Ciò nonostante il patriarca Daniel, capo della chiesa ortodossa romena – che conta oltre 18 milioni di fedeli – avesse esortato nel proprio sermone domenicale ad andare a votare, “prima che sia troppo tardi”.

In Romania non è riconosciuto il matrimonio né alcuna forma di unione civile tra coppie omosessuali. Ma il referendum voleva scongiurare ogni possibile apertura, mettendo nero su bianco che il matrimonio è possibile solo tra soggetti di sesso opposto. A favore del quesito – caso più unico che raro in Unione europea –  si era schierato anche il partito socialdemocratico al governo, che aveva dato il via alla consultazione a settembre con una procedura d’urgenza e ora è in posizione difficile nei confronti dell’opinione pubblica. In molti, infatti, credono che la bassa affluenza sia dovuta anche alla volontà dell’elettorato di sfiduciare la maggioranza.

Il gruppo dei socialisti e democratici a Bruxelles si era apertamente dissociato, sostenendo che il referendum fosse contrario ai valori della famiglia politica. Ora il capogruppo Udo Bullmann esprime soddisfazione: “I risultati mostrano con chiarezza che i romeni non si sono fatti raggirare da un’agenda politica orchestrata per seminare odio e discordia“, dichiara. “La maggior parte di noi socialdemocratici crede che un diritto umano non debba essere oggetto di un referendum”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PERCHÉ NO

di Marco Travaglio e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Cina, #Metoo arriva in tribunale: “Il conduttore tv mi ha molestata”. Ma sul banco degli imputati va la vittima

next
Articolo Successivo

Romania, bocciato il referendum anti-gay. I rumeni non si sono fatti ingannare dall’omofobia

next