Chi vive in una metropoli non ha mai tempo per niente, a volte nemmeno per lavarsi una camicia – soprattutto se la vuole anche stirata. Una situazione che ha spinto VClean Life a fare una nuova scommessa: consegnare e ritirare i capi nei pressi delle stazioni delle metropolitana di Londra. E senza avere “contatti” con i clienti.

Sì perché VClean sta per installare circa 200 macchine automatiche capaci di gestire consegna e ritiro dei panni. Si accede tramite un’applicazione sul telefono, da usare per aprire l’armadio. Entro 24 ore gli addetti dell’azienda prelevano i panni sporchi e li riconsegnano lavati entro 24 ore. Il cliente usa la stessa applicazione per aprire l’armadio elettronico e ritirare i suoi vestiti puliti.

In questo modo, spera il fondatore Nick Harris, si risponde a un bisogno comune tra chi vive nelle metropoli del mondo. Si va sempre di corsa e manca sempre il tempo di fare tutto; ma, spera Harris, si troveranno pochi secondi per interagire con una macchina alla stazione del metro – cosa che in effetti già fanno molti per comprarsi una merendina o un caffè.

VClean

Le macchine non saranno installate dentro alle stazioni – l’ideale sarebbe lungo le banchine che costeggiano i binari, per sfruttare il tempo in cui si aspetta il treno – ma nei parcheggi di corrispondenza. Meno comodo da una parte, ma dall’altra se non altro il cliente sarà più vicino alla propria auto. Nei progetti ci VClean Life ci sono anche altri spazi, come palestre, centri commerciali e uffici.

Il servizio andrà in concorrenza con le lavanderie automatiche, ormai piuttosto diffuse anche in Italia, e quelle lavanderie che propongono ritiro e consegna a domicilio. E lo farà in particolare con prezzi competitivi: stando a quanto comunicato, il lavaggio di un abito costa circa quattro euro, e ce ne vogliono meno di tre per una camicia. VClean mette sul piatto anche un servizio ecologico, grazie all’utilizzo di detergenti ecocompatibili (nemmeno questa una novità assoluta).

Solo il tempo dirà se questo progetto avrà successo, ma sin da subito si può rilevare come VClean si aggiunga all’ormai foltissima schiera di servizi che prescindono dall’interazione tra persone. Di fatto già oggi possiamo vivere la nostra vita avendo a che fare esclusivamente con amici, colleghi e familiari. Dal bancomat alla cassa automatica del supermercato, fino alle applicazioni per ordinare cibo, chiamare un taxi, comprare qualsiasi cosa e farsela consegnare dovunque; il check-in sul telefono insieme alla carta d’imbarco, la caffetteria robotizzata. Si può fare quasi tutto senza parlare con nessuno, compreso farsi lavare un abito.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

ROG Phone, lo smartphone da gaming di Asus arriva in Italia a fine ottobre

next
Articolo Successivo

Recensione iPhone XS Max: esperienza al top e buona autonomia, ma il grande schermo è sfruttato solo in parte

next