La Lega sposta l’asticella un po’ più in là. Secondo un sondaggio di Euromedia Research per Porta a Porta attualmente il Carroccio è stimato al 33 per cento, una quota che sarebbe quasi raddoppiata rispetto ai risultati delle elezioni del 4 marzo. Una tendenza positiva proseguita anche negli ultimi 20 giorni, durante il quale il partito è cresciuto di quasi mezzo punto. Più stabile, invece, il Movimento Cinque Stelle che rispetto alle Politiche è calato di oltre 3 punti, ma nell’ultimo mese ha recuperato quasi un punto, attestandosi – secondo Euromedia – al 29 per cento. Leggermente diversi i dati per l’istituto Piepoli, sempre per Porta a Porta: Lega e M5s sarebbero divisi solo da un punto, col Carroccio al 31 e i Cinquestelle al 30. Insieme, i due partiti di governo totalizzano tra il 61 e il 62 per cento di questi consensi virtuali.

Il successo esondante della Lega fa sì che soffra il resto del centrodestra. Di sicuro Forza Italia che secondo Euromedia scende al 9,3 (meno 1,2 in 20 giorni) e per Piepoli è al 10 (mezzo punto di flessione). Fratelli d’Italia è più stabile: per l’istituto di Alessandra Ghisleri è al 3,6, per Nicola Piepoli al 3,5. Il 4 marzo il partito di Giorgia Meloni aveva raccolto il 4,3. Se esistesse ancora – cosa che al momento non è certa – il centrodestra oscillerebbe tra il 45 e il 46 per cento (e, in potenza, avrebbe ampie possibilità di avere una maggioranza parlamentare).

Infine la situazione di crisi del Partito Democratico che secondo i due istituti di sondaggio che collaborano con Porta a Porta non va oltre il 16,5 per cento. In ogni caso i democratici sono in calo rispetto alle Politiche di marzo, una flessione di circa due punti. PiùEuropa è più o meno stabile al 2. Liberi e Uguali si attesterebbe al 2,5 per entrambi gli istituti. Vale la pena ricordare che la soglia di sbarramento per le elezioni europee è al 4 per cento. Per Euromedia e Piepoli la quota di astensione e indecisi, insieme, resta in una forbice, molto stretta, tra il 20 e il 22 per cento. Segno che, comunque, la voglia di partecipazione alla discussione politica è molto alta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Militari, la Trenta detta le regole: questo sindacato sembra una caserma

prev
Articolo Successivo

Reddito cittadinanza, l’uscita di Di Maio è stata infelice ma è giusto sapere come viene speso

next