Nel giorno in cui la scienziata Donna Strickland vince il premio Nobel per la fisica, l’Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn) sospende Alessandro Strumia dopo le frasi sessiste pronunciate ad un convegno al Cern. Lo ha reso noto lo stesso ente, precisando di aver adottato il provvedimento “in attesa degli approfondimenti sul caso”.

“Gli uomini hanno inventato la fisica, l’ingresso non è su invito”, ha detto Strumia intervenendo proprio ad un incontro dedicato alla discriminazione delle donne nella scienza. “Il prof. Strumia ha fatto, per di più in un contesto pubblico internazionale, affermazioni lesive dell’immagine dell’ente e, cosa ancor più grave, discriminatorie e apertamente lesive della reputazione di ricercatrici e ricercatori dipendenti e associati all’Infn, in violazione delle norme del Codice etico e del Codice di comportamento per la tutela della dignità delle persone dell’Istituto”, si legge nel comunicato dell’Infn.

E proprio oggi Donna Strickland, dell’università di Waterloo, in Canada, ha ottenuto il premio Nobel per la fisica 55 anni dopo l’ultima scienziata donna, Maria Goeppert Mayer. Insieme al collega Gérard Mourou, la Strickland ha inventato un metodo di generazione di impulsi ottici ultra-corti e ad alta intensità utilizzato in migliaia di interventi di correzione oculare. Il premio alla Strickland “è la risposta migliore al professor Strumia”, commenta la vicepresidente dell’Infn, Speranza Falciano. “Le donne lavorano a livelli di eccellenza, come gli uomini; tantissime raggiungono livelli altissimi di carriera e di eccellenza scientifica”, ha aggiunto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Autismo, mamma del bimbo lasciato solo alla sua festa di compleanno: “Stato ci aiuti con le terapie”

prev
Articolo Successivo

Bologna, la polizia municipale va a lezione di antirazzismo. La sottosegretaria della Lega: “Assurdo e offensivo”

next