Una trentina di poliziotti lo ha ammanettato all’alba all’interno di un ovile di proprietà del pastore pregiudicato Gaspare Simone, anche lui finito in manette con l’accusa di favoreggiamento. È finita così la latitanza di Vito Marino, sorpreso dagli agenti, mentre dormiva. L’uomo, che deve scontare una condanna all’ergastolo per triplice omicidio, non aveva armi né cellulari.
“Riteniamo che abbia trascorso buona parte della latitanza (cominciata nel luglio del 2016, ndr) nel trapanese, territorio dove ha potuto contare sui necessari appoggi”, ha detto Fabrizio Mustaro, capo della Mobile di Trapani nel corso della conferenza stampa che ha illustrato il blitz.
Le indagini che hanno portato alla cattura di Marino, condotte da Sco e dalle squadre mobili di Palermo e Trapani, sono state coordinate dal capo della Dda di Palermo Francesco Lo Voi e dall’aggiunto Paolo Guido.  Il latitante è figlio del defunto boss di Paceco, Girolamo, detto Mommu u nanu, assassinato nelle campagne del trapanese alla fine degli anni Ottanta. Per individuarlo, senza destare sospetto, i poliziotti, oltre a mimetizzarsi, hanno impiegato sofisticate apparecchiature tecnologiche. “Lui è stato molto cauto e attento. Noi di più”, ha detto il capo della Mobile di Trapani.