Una trentina di poliziotti lo ha ammanettato all’alba all’interno di un ovile di proprietà del pastore pregiudicato Gaspare Simone, anche lui finito in manette con l’accusa di favoreggiamento. È finita così la latitanza di Vito Marino, sorpreso dagli agenti, mentre dormiva. L’uomo, che deve scontare una condanna all’ergastolo per triplice omicidio, non aveva armi né cellulari.
“Riteniamo che abbia trascorso buona parte della latitanza (cominciata nel luglio del 2016, ndr) nel trapanese, territorio dove ha potuto contare sui necessari appoggi”, ha detto Fabrizio Mustaro, capo della Mobile di Trapani nel corso della conferenza stampa che ha illustrato il blitz.
Le indagini che hanno portato alla cattura di Marino, condotte da Sco e dalle squadre mobili di Palermo e Trapani, sono state coordinate dal capo della Dda di Palermo Francesco Lo Voi e dall’aggiunto Paolo Guido.  Il latitante è figlio del defunto boss di Paceco, Girolamo, detto Mommu u nanu, assassinato nelle campagne del trapanese alla fine degli anni Ottanta. Per individuarlo, senza destare sospetto, i poliziotti, oltre a mimetizzarsi, hanno impiegato sofisticate apparecchiature tecnologiche. “Lui è stato molto cauto e attento. Noi di più”, ha detto il capo della Mobile di Trapani.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Paolo Borsellino, a giudizio per calunnia aggravata tre poliziotti. Pm: “Depistarono le indagini su strage via D’Amelio”

prev
Articolo Successivo

Via d’Amelio, Fiammetta Borsellino a Salvini: ‘Incredibile che il Viminale non sia parte civile al processo su depistaggio’

next