Ventidue sentenze di non luogo a procedere sono state pronunciate dal Gup del Tribunale di Bologna, Alberto Ziroldi, nei confronti di altrettanti imputati di associazione per delinquere. Il gruppo, definito di natura “anarco-ambientalista“, era accusato di aver commesso quattro attentati tra il 2010 e il 2011: uno incendiario al Roadhouse Grill di Bologna, un altro con un ordigno rudimentale presso gli uffici di Ibm Italia, l’incendio di una sede distaccata del dipartimento universitario di Scienze degli alimenti e il posizionamento di altri ordigni rudimentali di fronte agli uffici dell’Eni.

Nel corso delle indagini, durate oltre cinque anni, erano state fatte diverse perquisizioni in cui erano stati ritrovati petardi, acceleranti per incendi, maschere antigas e documenti su Eni, Ibm e McDonald’s. Nel luglio dello scorso anno le richieste di rinvio a giudizio: oltre all’associazione a delinquere, i pm avevano ipotizzato a vario titolo i reati di danneggiamento seguito ad incendio e di fabbricazione e accensione di materiale esplodente. “Sono molto soddisfatto dell’esito dell’udienza preliminare, che si pone in linea con la nostra lettura della indagine, da cui è emerso un un quadro probatorio molto debole, inidoneo a sostenere l’accusa in giudizio. Il Giudice è stato molto attento e ha certamente dimostrato di fare un uso corretto dei propri poteri”, ha commentato l’avvocato Ettore Grenci, che difende alcuni degli imputati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Suicidi in Guardia di Finanza, il malessere è diffuso. Perché?

next
Articolo Successivo

Preti sposati, l’apertura del cardinale Parolin: “Occorre interrogarsi sul celibato. Magistero non è monolite immutabile”

next