“Mi avete dato del criminale, del mafioso, di chi ricicla i soldi della malavita. Mi sono fatto, in totale, 6 anni di galera. Oggi mi hanno dato 6 mesi perché non mi potevano assolvere. Fatevi tutti un esame di coscienza. Dedico questa vittoria a mio figlio Carlos“. È lo sfogo di Fabrizio Corona, dopo che la Corte d’Appello di Milano ha ridotto la pena a sei mesi rispetto ai 12 che erano stati stabiliti in primo grado. Corona era imputato per la vicenda dei 2,6 milioni di euro in contanti trovati nel 2016 in parte in un controsoffitto dell’amica e collaboratrice Francesca Persi e in parte in cassette di sicurezza in Austria. La Procura generale aveva chiesto per l’ex “re dei paparazzi” una condanna a 2 anni e 9 mesi di reclusione.
“La Procura della Repubblica di Milano ha fatto una orribile figura e ha fatto fare a Fabrizio un processo inutile. Penso che sia il caso di mollare il colpo e di smetterla qui”, ha commentato uno dei due legali di Corona, Ivano Chiesa.
La Corte d’Appello ha dunque confermato l’assoluzione dalle accuse principali del processo, cioè l’intestazione fittizia dei beni e la violazione delle norme patrimoniali sulle misure di prevenzione, e lo ha condannato, come nel giugno 2017, solo per un reato fiscale relativo al mancato pagamento di una cartella esattoriale.
Per questa imputazione, poi, la Corte, presieduta da Guido Brambilla, ha applicato per Corona un’attenuante specifica, avendo lui saldato il debito tributario prima dell’udienza preliminare. Inoltre, i giudici hanno disposto il dissequestro di assegni circolari per circa 50mila euro, mentre gran parte dei 2,6 milioni di euro di contanti erano già stati dissequestrati dalla Sezione misure di prevenzione. I giudici hanno anche ridotta la pena per Francesca Persi, coimputata, da 6 mesi a 3 mesi.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ponte Morandi, contributi ‘senza più nulla a pretendere’: così Autostrade ci prova con alcuni dei sopravvissuti al crollo

prev
Articolo Successivo

Pisa, bimba morta in auto: per il consulente della procura il padre colpito da amnesia dissociativa

next