Un milione e ottocentomila italiani hanno lasciato le case, i paesi, la propria vita. Se ne sono andati all’estero e in tanti sono scappati dal Sud al Nord.

Così, dal 2001 ad oggi una interminabile valigia di cartone è stata preparata e ha accompagnato i tanti che hanno cercato fortuna altrove.

Non sono solo cervelli in fuga, né più soltanto figli. Sono anche padri, madri. Operai, camerieri, banconisti, segretari d’azienda, autisti.

Il Sud si va svuotando e il Nord a malapena resiste in quella che possiamo sicuramente definire come il più possente movimento migratorio dopo gli anni successivi al dopoguerra.

È tornata, nelle forme contemporanee e attuali, la valigia di cartone.

Abbiamo gli occhi puntati su quella che viene definita “l’invasione” dei neri d’Africa, e senza dubbio è il processo più rilevante che parte dal terzo e quarto mondo povero e sconvolge l’Occidente ricco.

Solo che non vediamo, non ci abituiamo, non prestiamo la stessa attenzione a ciò che succede in casa nostra, a questa altrettanto grande e grave evasione di massa, a quest’altra disperata grande fuga. Su ilfattoquotidiano.it la sezione Cervelli in fuga raccoglie da anni le storie di expat italiani da tutto il mondo. Sono accademici, architetti e ingegneri, ma anche connazionali in cerca di un lavoro che a casa non trovano, dell’indipendenza economica e di una qualità di vita soddisfacente.

Se vuoi raccontarci la tua storia di figlio o di padre che saluta, di mamma che sistema altrove le proprie speranze o di figlia che pensa altrove alle proprie ambizioni scrivici.

Scrivi la tua storia di emigrazione dal Sud al Nord a

[email protected]

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Prof in Messico. “In Italia un barone mi ha chiesto di lavorare gratis per lui. Ho rifiutato e mi ha dato dello stupido”

prev
Articolo Successivo

“Ho lasciato mio marito, la mia felicità e la mia terra per quattro soldi. Che orrore”

next