Lieve malore per l’arcivescovo di Napoli, Crescenzio Sepe, durante la cerimonia per la solennità di San Gennaro. Probabilmente a causa del caldo, il cardinale è sbiancato in volto, anche se non ha voluto lasciare l’altare come invece gli hanno suggerito le persone che lo hanno soccorso. L’arcivescovo, però, non ha potuto portare l’ampolla con il sangue del santo all’esterno del Duomo partenopeo, come avviene ogni anno in occasione della liquefazione del sangue del santo. Poco dopo, però, si è mostrato in buone condizioni mentre lasciava la cattedrale per ritirarsi nella basilica di Santa Restituta.

Anche quest’anno si è ripetuto il miracolo dello scioglimento. “È sempre con tanta gioia e commozione che do questo annuncio così solenne – ha detto Sepe ai fedeli assiepati in Duomo – appena aperta la cassaforte abbiamo notato il sangue già tutto sciolto”. Nella sua omelia, il cardinale ha parlato del futuro della città di Napoli, che “ha bisogno di tornare a volare, potendo contare prima di tutto sui suoi giovani”. “Il nostro sguardo – ha detto – deve andare oltre la cronaca che appare una continua condanna per la città, con le cifre agghiaccianti prodotte da una violenza che coinvolge non pochi giovani e giovanissimi e, in alcuni casi, come una terribile bestemmia davanti a Dio, addirittura i bambini“.

Sepe ha affrontato anche il tema delle baby gang e delle nuove forme di violenza urbana. “Baby gang è una definizione sorpassata, che sa già di muffa“, ha detto. “Le stese (raid intimidatori con esplosione di colpi in aria, ndr) sono diventate così ordinarie da non fare quasi più notizia. Spietata, senza regole e senza capi riconosciuti, questa forma di violenza avrebbe soppiantato non solo la vecchia, ma anche la nuova camorra organizzata”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sexting, 15enne scambia per un anno messaggi erotici con un adulto. Poi scopre che è il padre

prev
Articolo Successivo

Massa, 34 morti sospette in ospedale: indagato il primario di medicina. La difesa dell’Asl: “Dati in linea col passato”

next