Andi Nganso, 30 anni, è un medico che lavora in provincia di Como, a Cantù. A gennaio una paziente non volle essere visitata da lui perché di colore. A Tagadà, su La7, ha raccontato di altri episodi di razzismo e di come il fenomeno, negli ultimi mesi, sia in crescita. “Gli italiani – ha precisato – non sono razzisti, però una parte di questo governo fa da megafono a chi lo è”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pd, Ascani: “Calenda dice che partito merita estinzione? E’ una frase offensiva, una cosa brutta per la nostra comunità”

prev
Articolo Successivo

Bertinotti: “Soffro nel dirlo: la sinistra ha abbandonato il proprio popolo. Ora sta tra la malattia grave e la morte”

next