La Regione Emilia-Romagna guidata da Stefano Bonaccini stanzia 600mila euro per finanziare progetti di tv, radio e giornali finalizzati all’assunzione di giornalisti. Ma il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Andrea Bertani grida allo scandalo e accusa la giunta di voler fare un regalo agli editori. Perché quel bando che ha avuto l’ok dalla Regione e che fissa i criteri per accedere ai contributi, a fondo perduto, per il sostegno all’editoria locale, arriva in un momento particolare. “Così il Pd e Bonaccini preparano la loro campagna elettorale del 2019” attacca il grillino. E dal Partito democratico arriva la replica. Il segretario regionale Paolo Calvano accusa, a sua volta, il Movimento 5 stelle di voler “distruggere il lavoro”, mentre con il bando si stabilizzerebbero dei precari. E a ilfattoquotidiano.it il consigliere del Pd Giorgio Pruccoli spiega che il bando “è frutto di una legge approvata dal consiglio regionale a giugno del 2017 e che prevedeva diverse misure a sostegno dell’editoria”. Una legge di cui lo stesso Pruccoli è stato primo firmatario.

I grillini contro il bando – Così, a distanza di due anni, il 2 agosto scorso la Regione Emilia-Romagna ha approvato la delibera che dà il via libera al bando per concedere contributi a fondo perduto ai media regionali. Nel testo si legge che per l’assunzione di giornalisti a tempo indeterminato, la percentuale del contributo previsto è pari al 50 per cento della retribuzione annua lorda imponibile a fini previdenziali, mentre nel caso il giornalista abbia meno di 35 anni, sia persona svantaggiata o lavoratore disabile, il contributo sarà dell’80 per cento. E sarà cumulabile con quelli erogati ai sensi della legge 68 del 1999 sulle Categorie protette. “Si tratta dell’ennesimo regalo fatto agli editori”, commenta Bertani. Che aggiunge: “Mentre il governo, con il vicepremier Di Maio in prima linea, si appresta a tagliare i contributi indiretti ai giornali cercando di tutelare il più possibile la libertà di stampa, il Pd e il presidente Bonaccini si apprestano a regalare ben 600mila euro di soldi pubblici a tv, quotidiani, radio e siti internet dell’Emilia-Romagna”.

L’accusa: “Si prepara la campagna elettorale” – Secondo Bertani, che definisce il bando “scandaloso”, non è un caso che la delibera della Regione giunga proprio alla vigilia dell’apertura della campagna elettorale per le elezioni regionali e amministrative del 2019. Tra meno di un anno, infatti, si andrà al voto prima per Comuni e poi per la Regione. I contributi previsti andranno a coprire fino all’85% degli stipendi dei giornalisti, per un totale che potrà oscillare dai 20 ai 30mila euro a seconda dei casi. “Soldi che in un Paese normale sarebbero totalmente a carico degli editori – sottolinea Bertani – ma che da noi invece vengono trasformati in spese a carico dei cittadini utilizzando soldi pubblici”. Così il consigliere del Movimento 5 Stelle si chiede “con che spirito i direttori di certi giornali potranno criticare o evidenziare gli insuccessi dei sindaci uscenti del Pd, dei consiglieri regionali della maggioranza o della giunta Bonaccini sapendo che è proprio grazie a loro che è stato possibile assumere un nuovo giornalista”.

La replica – Di fronte alle accuse di voler fare un regalo ai media in vista delle elezioni, il segretario regionale del Pd dell’Emilia-Romagna Paolo Calvano non ci sta. “Gli attacchi del Movimento 5 Stelle al bando della Regione a sostegno dell’editoria locale sono veramente preoccupanti”, afferma. Il segretario conferma, come scritto nella delibera, che i fondi impegnati serviranno per l’innovazione delle attività e, soprattutto, per assumere e stabilizzare personale giornalistico e tecnico. “Quindi – dice – creeranno o renderanno più stabili posti di lavoro”. Inevitabile, a questo punto, la polemica: “Evidentemente – scrive Calvano – al Movimento non sta bene che si crei lavoro, a loro non va a genio che ci siano persone che possano avere una vita più stabile dopo anni di precariato”.

Pruccoli: “I posti di lavoro sono un patrimonio” – A difendere la delibera contestata da Bertani è anche il consigliere del Pd Giorgio Pruccoli, primo firmatario della legge approvata due anni fa. “Le difficoltà del M5S con la libertà d’informazione sono note. Tutto ciò che è libero, con loro non si coniuga” è la stoccata dell’esponente del Pd. Che aggiunge: “Una volta al governo del Paese, vogliono spegnere tutte le voci critiche e contrarie che in un panorama d’informazione variegato come il nostro rappresentano perfino un presidio di legalità. Il cittadino ha diritto a essere informato, deve poter scegliere. Anche tra gli editori faziosi”. E poi c’è a questione dell’occupazione e del precariato. Anche nei media. “Ogni posto di lavoro stabilizzato, ogni posto di lavoro nuovo è un patrimonio di questa Regione – conclude Pruccoli – che ha il più alto tasso di occupazione del Paese”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legionella, il leghista Mariani: “L’hanno portata i legionari dall’Africa”. Usuelli (Più Europa): “Teoria bislacca”

next
Articolo Successivo

Brunetta vs governo Conte: “Prima se ne vanno meglio è. Incapaci, scappati di casa. Si salvano solo Tria e Moavero”

next