Appena aperta e già arriva uno stop. La polizia municipale di Torino e l’ufficio di igiene dell’Asl hanno chiuso LumiDolls, prima “casa di appuntamenti” con sex doll in Italia (e di cui vi mostriamo il video dell‘anteprima) che ha inaugurato una decina di giorni fa nel capoluogo piemontese. Agenti e personale sanitario hanno fatto un blitz: l’ipotesi è che ci sia stata un’attività abusiva di affittacamere e che la pulizia delle bambole possa non essere avvenuta secondo le norme. I promotori, che sono approdati a Torino dopo esperienze simili a Barcellona e Mosca, promettevano “nuove sensazioni” con realistiche e realistici sex doll: Kate, Ilary, Molly, Eva, Arisa, Naomi, Bianca e Alessandro. Il tutto, sostengono, “in un luogo confortevole, di buon gusto”. I promotori insistono sul fatto che è si tratta di un’esperienza “del tutto legale”, ma da più parti si sono levati dubbi sulla liceità, e opportunità, dell’attività, confermati, almeno per ora, dai controlli effettuati.
Le tariffe: 80 euro per mezz’ora e 180 euro per due ore.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Diciotti, busta con proiettile da guerra e lettera di minacce al procuratore di Agrigento: “Zecca, sei nel mirino”

prev
Articolo Successivo

Autostrada A8, donna viene tamponata: scende dall’auto per proteggere le bambine, travolta e uccisa sul colpo

next