Nel secondo trimestre del 2018, come emerso a fine maggio, il numero di italiani che hanno un lavoro ha superato il livello precedente alla crisi del 2008. Mentre il tasso di disoccupazione è sceso al 10,7%, in flessione di 0,2 punti percentuali rispetto al trimestre precedente e di 0,3 punti su base annua, toccando il livello più basso da sei anni. Lo rileva l’Istat, aggiungendo che allo stesso livello di occupati del 2008 corrisponde una maggiore presenza di dipendenti (77%, in aumento di 2,8 punti), in particolare a termine (13,4%, saliti di 3,1 punti), e di lavoratori a tempo parziale che sono arrivati al 18,7% crescendo di ben 4,1 punti.

L’istituto fotografa “profonde trasformazioni nella composizione dell’occupazione”, oltre all’invecchiamento della forza lavoro, su cui hanno inciso anche il calo della popolazione giovanile, il prolungamento dei percorsi di studio e l’aumento dell’età pensionabile. Inoltre nel secondo trimestre 2018 le donne occupate sono oltre mezzo milione in più rispetto all’analogo periodo del 2008 (+6,3%). Al contrario, gli uomini sono stati più colpiti dalla congiuntura negativa, con circa un milione di occupati in meno tra il 2008 e il 2013, soprattutto nell’industria, e il recupero partito nel secondo trimestre 2014 non è stato sufficiente a colmare il divario con il 2008: resta un gap di 380mila posti.

Forti differenze si riscontrano anche a livello territoriale: nel Centro-nord la ripresa è iniziata prima e ha portato al recupero dei posti persi già nel secondo trimestre 2016, mentre nel Mezzogiorno, dove il calo degli occupati è stato di 700mila unità fino al 2014, il saldo rispetto al pre-crisi è ancora ampiamente negativo: -258mila, corrispondente a una perdita del 2,39%.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fondi interprofessionali, un sistema per incentivare la formazione e tutelare le categorie più deboli

prev
Articolo Successivo

Caporalato, turni da 11 ore e affitto imposto a stranieri: tre arresti

next