“Ho ridotto le vacanze e le uscite. Non sono ancora arrivata a ridurre il necessario, ma se continua così non la vedo bene“, lo ha raccontato una signora che ha preso parte al gioco Borsopoly, una sorta di Monopoly umano, che è stato inaugurato il 12 settembre in Piazza Affari a Milano, davanti alla sede della Borsa su iniziativa di Banca Etica. A dieci anni dal crac di Lehman Brothers che ha segnato lo scoppio della crisi, si vuole invitare le persone a informarsi. “C’è un senso di insicurezza maggiore. Se hai dei figli, come nel mio caso, non sai bene se avranno la possibilità di avere un lavoro e tutto quello che ho avuto io”, confessa un padre di mezza età. “È aumentata la solitudine delle persone e molte giocano agli slot, perché ormai cercano la fortuna nell’azzardo. Ciò perché non riescono a trovare qualcosa che dia futuro alla propria vita”, sottolinea invecea un altro partecipante al gioco.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Vicofaro, chiuso il centro d’accoglienza di Don Biancalani: “Farò ricorso al Tar”. E intanto ospita i migranti in chiesa

prev
Articolo Successivo

Diciotti, busta con proiettile da guerra e lettera di minacce al procuratore di Agrigento: “Zecca, sei nel mirino”

next