Sono passati 10 anni da quando l’Islanda è stata colpita da una forte crisi economica. Per invitare la popolazione a reagire, le istituzioni avevano pensato allo slogan “Brostu med hjartand”(che tradotto in italiano significa “sorridi con il cuore”), accompagnato da un grande cuore rosso adesivo, che cominciò a comparire ovunque. Ma gli adesivi ben presto si rovinarono, dunque l’amministrazione comunale della cittadina di Akureyri, situata nellla parte settentrionale dell’isola e famosa come punto di avvistamento delle balene, decise di lasciare un segno ben più tangibile, sostituendo progressivamente le luci rosse guaste dei semafori proprio con dei nuovi lampeggianti a forma di cuore. Che sono ormai diventati una vera e propria attrazione per i turisti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bmw, in costruzione un nuovo simulatore per testare la guida autonoma

next
Articolo Successivo

Mate X, la bicicletta elettrica pieghevole, veloce ed economica – FOTO

next