La Cgil Sicilia si è unita questa mattina al presidio permanente anti-razzista organizzato dalle associazioni che, in questi giorni, hanno manifestato a favore dello sbarco dei circa 150 migranti bloccati all’interno della nave Diciotti della Guardia Costiera. I rappresentanti del sindacato hanno chiesto di far salire a bordo i loro medici ma non hanno ottenuto l’autorizzazione dalle autorità. Saliranno a bordo alle 15 il presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Gianfranco Micciché, e i parlamentari regionali della commissione Sanità. Il deputato di Forza Italia, uomo di fiducia di Silvio Berlusconi in Sicilia, ieri pomeriggio ha pubblicato un posto molto duro su Facebook dove ha insultato in modo diretto il ministro dell’Interno: “Salvini non sei razzista, sei solo stronzo”.

Mentre si attende la decisione di Bruxelles, intanto, i migranti hanno iniziato uno sciopero della fame per protestare contro la detenzione all’interno dell’imbarcazione militare. Un’azione che non ha scomposto più di tanto Salvini che ha commentato su Twitter: “Immigrati della #Diciotti in sciopero della fame? Facciano come credono. In Italia vivono 5 milioni di persone in povertà assoluta (1,2 milioni di bambini) che lo sciopero della fame lo fanno tutti i giorni, nel silenzio di buonisti, giornalisti e compagni vari”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ryanair, cambia politica bagagli: dal primo novembre niente più trolley gratis

prev
Articolo Successivo

Palagiustizia Bari, si rompe un tubo: allagato il tribunale civile. Fascicoli bagnati e computer in corto circuito

next