Addio, Vincino. Amici conoscenti e colleghi lo hanno salutato al Verano: ognuno ha lasciato un personale ricordo. “Mio padre lo conoscevano tutti – ha detto sua figlia Caterina – In privato era esattamente come lo si immagina: chiuso nel suo mondo, a disegnare. Abbiamo viaggiato tanto. Ricordo una in Egitto dopo che andammo a trovare mia sorella. Mi disegnò addosso dei cammelli. Progettavamo insieme giornali, vignette, idee. Era un continuo. Un vulcano di idee. Gli ho lasciato un disegno mio, io e lui disegnati da me e da lui. Quanto ero piccola, mi diceva che quando sarebbe morto avrei dovuto continuare a disegnare, firmandomi al posto suo, in modo che nessuno sapesse della sua morte”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Salvini, anche il mio post su lui e la Diciotti è stato rimosso da Facebook

prev
Articolo Successivo

Argentina, poliziotta allatta il bimbo di una donna arrestata. Molto bello, ma dov’è la notizia?

next