Oltre 50 tartarughine marine sono uscite dal nido nel tardo pomeriggio di sabato nella piccola spiaggia elbana di Straccoligno, vicino a Capo Perla, nel Comune di Capoliveri (Livorno). Un evento che ha allietato un matrimonio in corso sulla spiaggia dove l’allarme è stato dato da un bambino che ha visto uscire le prime tartarughe da sotto il telo da mare dei genitori. Si chiama, tra l’altro, Federico come il guardiano dei Bagni da Sergio a Marina di Campo che nel 2017 si era accorto della tartaruga arrivata a riva per nidificare.

In quell’occasione i piccoli uscirono di notte: ieri le prime 50 hanno invaso la spiaggia con il sole ancora splendente, sorprendendo bagnanti e per la gioia dei bambini. Un piccolo, disordinato e pacifico esercito che, con uno slalom tra le gambe di bimbi e adulti, ha raggiunto il mare. La Capitaneria di porto e gli operai del Comune hanno poi delimitato l’area. L’ultima è uscita di notte e ha avuto difficoltà a raggiungere il mare dove l’ha accompagnata la sposa.

Ora, spiega una nota di Legambiente, l’area del piccolo cratere nella sabbia mista a ghiaia dal quale sono uscite le tartarughe è disegnato con il nastro bianco e rosso ed è protetta la ‘pista’ che le tartarughe – che si prevede continueranno a nascere per altri 4/5 giorni – percorreranno per raggiungere il mare. Sul posto presenti anche il sindaco di Capoliveri Ruggero Barbetti, gli addetti del Parco nazionale dell’Arcipelago Toscano, l’Osservatorio toscano per la biodiversità, Università di Siena e i volontari organizzati da Legambiente Arcipelago Toscano che avevano cercato nelle ultime settimane eventuali nidi. Ma, come ha detto Isa Tonso di Legambiente, “mamma tartaruga è andata a nidificare dove meno ce l’aspettavamo”. “Ora l’Elba è davvero l’Isola delle tartarughe!”, ha aggiunto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

È più facile per un cammello passare attraverso la cruna di un ago… o era una macchina?

prev
Articolo Successivo

Porto di Cagliari, tra le imbarcazioni spunta la maxi medusa: “Diametro di quasi mezzo metro”

next