Come nei film d’azione, l’uomo, ustionato, si è lanciato in mare ma la pilotina in fiamme aveva azionato il comando di marcia per cui ha proceduto a velocità nelle acque del golfo di Trieste sfiorando altre barche, passando non distante dalle spiaggette della zona, per andare a schiantarsi contro la costa dopo aver compiuto un ampio cerchio, tra il fuggi fuggi generale. E’ accaduto poco prima delle 16 di sabato 18 ai ‘Filtri’ di Aurisina, una località appena fuori Trieste.

L’uomo, unico occupante dell’imbarcazione, è stato portato all’ospedale di Cattinara da una ambulanza intervenuta sul posto insieme con uomini della Capitaneria di porto, i Vigili del Fuoco e la polizia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La Visitazione di Pontormo in tour negli Usa, l’ultimo caso di un’opera italiana prestata all’estero: manca una legge

next
Articolo Successivo

Ponte Morandi, in mille per ultimo saluto alla famiglia di Pinerolo. La vicesindaco: “Con il ponte è crollato un pezzo di fiducia”

next