Ha lanciato la sua auto contro le barriere di sicurezza di Westminster, a Londra, ferendo alcuni pedoni che transitavano davanti al Parlamento inglese. Dopo lo schianto, l’uomo è stato circondato dalla polizia che lo ha prelevato dalla macchina e arrestato immediatamente. Dalle immagini diffuse sui media si tratta di un nero di poco meno di 30 anni che indossava una camicia ed un giaccone con il cappuccio: “È stato arrestato per sospetto di reati terroristici“, ha fatto sapere la Met Police. Lo schianto è avvenuto alle 7.37 locali, (8,37 italiane). Gli investigatori precisano che era solo in automobile e che a bordo della vettura non sono state trovate armi. “Questi animali sono pazzi e devono essere affrontati con durezza e forza”, ha scritto su Twitter il presidente americano Donald Trump in un tweet. Theresa May si è detta invece vicina ai feriti: “I miei pensieri” sono con loro, scrive la premier britannica, mentre elogia la risposta rapida e “coraggiosa” di polizia e servizi di soccorso.

Sull’episodio indaga l’antiterrorismo. Non ci sono altri sospetti al momento a parte l’uomo alla guida della Ford Fiesta, che è stato interrogato in queste ore in una stazione di polizia a sud di Londra, ma “non sta cooperando” con gli investigatori. Lo ha sottolineato ai media Neil Basu, numero due di Scotland Yard e responsabile dell’antiterrorismo, confermando che l’episodio è trattato come un atto di terrorismo, ma che si sta ancora indagando sull’identità e sul possibile movente dell’arrestato. 

Il vicecomandante di Scotland Yard ha anche riferito che sono tre le persone ferite: una di loro è stata semplicemente medicata sul posto e altre due sono state invece trasferite in ospedale. Il primo paziente è stato successivamente dimesso, mentre resta ricoverata una donna che – secondo il funzionario di polizia – ha riportato lesioni di una certa gravità, ma la cui vita non è comunque giudicata in pericolo dai medici. L’uomo alla guida ha travolto in particolare un gruppetto di ciclisti, prima di sbattere contro una barriera protettiva. Basu ha infine escluso per il momento altri pericoli per la pubblica sicurezza a Londra.

Nelle zone circostante, tra Millbank, Parliament Square e Victoria Tower c’è stato un imponente dispiegamento di polizia, Westminster è stata posta in lockdown e la stazione della metropolitana è stata chiusa. Anche le strade circostanti sono state chiuse. Diversi testimoni hanno raccontato alla Bbc che l’autista sembrava aver deliberatamente colpito ciclisti in fila al semaforo per entrare in Piazza del Parlamento, prima di schiantarsi ad alta velocità contro la barriera di sicurezza vicino all’area di parcheggio.

“Stavo camminando dall’altra parte della strada, ho sentito un po’ di rumore e qualcuno ha urlato, mi sono girata e ho visto una macchina color argento guidare molto velocemente vicino alle recinzioni, forse anche sul marciapiede”, ha detto una passante, aggiungendo che il veicolo non sembrava avere una targa anteriore quando si è schiantato. Nel marzo 2017 un uomo, Khalid Masood, poi rivelatosi simpatizzante jihadista, investì e uccise alcune persone vicino al parlamento e quindi accoltellò a morte un poliziotto.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Londra, auto si schianta contro le barriere del Parlamento. Il conducente arrestato e portato via dalla polizia

prev
Articolo Successivo

Afferra la bambina per lo zainetto e cerca di portarla via: la reazione della madre evita il peggio

next