Circolazione bloccata a Genova dopo il crollo del ponte Morandi sull’Autostrada A10 che ha causato la morte di decine di persone. Sulla A10 Genova-Savona rimane chiuso il tratto tra il bivio A7 Milano-Genova e Genova Aereoporto in entrambe le direzioni. All’interno del tratto chiuso il traffico è bloccato con lunghe code. A seguito della chiusura si sono formate code sulla A10 direzione Genova tra Genova Pegli e Genova Aeroporto con ripercussioni sui flussi di traffico verso Genova; sulla A12 Genova – Rosignano Marittima tra Genova Est e il Bivio per la A7 verso Genova; e sulla A7 tra Bolzaneto e la A10.

 

Per coloro che sono in viaggio lungo la A10 da Savona diretti a Genova, Viabilità Italia consiglia di utilizzare la A26 Genova – Gravellona Toce, poi la D26 diramazione Predosa Bettole e la A7 verso Genova. Per coloro che invece da Livorno sono diretti a Savona, viene consigliato di utilizzare la A7 Milano-Genova, seguire le indicazioni per la diramazione Predosa Bettole e poi prendere la A26 verso Genova e proseguire per Savona. Per il traffico locale non si consiglia di percorrere le Autostrade e di fruire della viabilità ordinaria, secondo le indicazioni delle autorità locali. Si consiglia infine di evitare le aree limitrofe all’evento per non essere d’intralcio alle operazioni di soccorso.

Riprende invece molto rallentata la circolazione su alcune linee dei treni dopo il crollo ponte autostradale fra Genova Rivarolo e Genova Sampierdarena. La linea Genova – Savona – Ventimiglia è attiva. Lo stesso anche la Genova Piazza Principe – Arquata Scrivia (direzioni Torino e Milano): riattivata con rallentamenti e ritardi medi di 60 minuti, con punte massime fino a 120 e alcune cancellazioni di treni regionali. Linea Ovada – Genova Piazza Principe: circolazione ancora sospesa fra Genova Borzoli e Genova Piazza Principe. In questo tratto Trenitalia ha attivato un servizio sostitutivo con autobus fra Ovada e Genova Voltri. Per coloro che sono in viaggio in treno, viene infine consigliato di utilizzare le linee ferroviarie Genova-La Spezia verso sud e Genova-Ventimiglia verso nord.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Genova, com’era il ponte prima del crollo: il viaggio sul cavalcavia

prev
Articolo Successivo

Genova, da un punto all’altro del crollo: i duecento metri di ponte che non ci sono più

next