Il Pd “deve cambiare pelle e volto al più presto”. Di più: “Bisogna rifondare”. L’ex ministro Carlo Calenda e la vicepresidente dell’Emilia Romagna, Elisabetta Gualmini, non hanno dubbi. E concordano anche sui tempi: la decisione va presa presto, in fretta. Intervistati da L’Unione Sarda e da La Verità, i due esponenti del Partito Democratico parlano esplicitamente di rifondazione, pensando a un “passaggio di rottura che sia paragonabile a quello della Bolognina“, dice la numero due dell’ex regione rossa.

Divergono sul finale, ma la sostanza è la stessa: i dem sono al capolinea e c’è l’urgenza di trovare una soluzione radicale. “Questa volta, per salvarsi non può bastare un semplice lifting”, affonda Gualmini oppure ci si può “rassegnare al rischio di scomparire“. Un rischio, quello della “dissoluzione”, che viene definito “concreto”. Anche perché, sottolinea invece Calenda al quotidiano sardo,  “ora non stiamo facendo un’opposizione sufficientemente forte”.

“Ho proposto una segreteria costituente per contrastare quello che secondo me sarà un autunno difficile per il Paese, con un grandissimo rischio di default finanziario“, spiega l’ex ministro dello Sviluppo Economico, entrato nel Pd dopo la batosta elettorale del 4 marzo. Un risultato frutto del ‘contatto’ perso con l’elettorato, dice, perché “abbiamo dato l’idea di considerare risolti i problemi che il Paese ancora aveva. E questa si chiama arroganza“. Invece, sostiene con un riferimento al linguaggio usato a lungo da Matteo Renzi, “avevamo fatto solo progressi, un primo passo per recuperare le perdite della crisi. Invece abbiamo detto che l’Italia andava bene e chi non lo capiva era un gufo“.

Il Pd, fa eco Gualmini, “non è stato quello che noi immaginavamo” e oggi “non viene percepito come un grande partito riformista che sta dalla parte dei più deboli”. Eppure, accusa la vicepresidente dell’Emilia Romagna, dopo il voto non è stata presa alcuna decisione “perché nessuno dei dirigenti della prima linea si facesse del male”. Una scelta avvenuta “proprio nel momento in cui – aggiunge – non bisognava attendere un solo minuto”.

Così lancia la proposta, già espressa una volta in Svizzera, che il Pd cambi nome e ‘sostanza’, insomma “pelle e volto” fin “dalle prossime elezioni regionali“. Un concetto che Calenda invece riassume così: “Il futuro non è il Partito democratico, ma un movimento più ampio, che il Pd deve contribuire a costruire”. Non un’alleanza né un cartello elettorale: “Qui bisogna rifondare, raccontare l’associazionismo e il mondo dei sindacati – dice a L’Unione Sarda rilanciando il manifesto scritto su Il Foglio – Si può mettere insieme un soggetto ampio, io lo chiamo Fronte repubblicano, che non si deve esaurire in una semplice alleanza”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Magalli: “Beppe Grillo? Quando faceva cabaret, fregava le mie battute. Ora rappresenta un po’ la nostra coscienza”

next
Articolo Successivo

Salvini vuole la leva militare obbligatoria, è questo il suo programma per i giovani?

next