Volevano scattare un selfie da quell’angolo preciso di piazza Fontana di Trevi per riprendere al meglio la fontana alle loro spalle. E nessuna voleva cedere quell’angolo privilegiato. Così ne è nata una rissa che ha richiesto l’intervento di più pattuglie della municipale. Sedati gli animi, anche con qualche difficoltà, otto turisti americani e olandesi, sono stati denunciati per violenza e minacce. Il litigio è nato prima tra una ragazza olandese di 19 anni, ed una italo-americana di 44 anni. Le due sono passate alle mani e hanno iniziato a spintonarsi ed a prendersi a schiaffi e pugni. A quel punto l’incendio si è propagato ai rispettivi familiari che immediatamente si sono uniti alla “lotta” dando manforte alle loro parenti e distribuendo calci e pugni. I turisti, condotti presso gli uffici di via della Greca, hanno riportato solo alcune contusioni, per le quali non si è reso necessario l’assistenza medica. L’autorità giudiziaria ha disposto nei loro confronti la denuncia per violenza e minacce.

il video è stato pubblicato sulla pagina Facebook di Welcome to favelas

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Biblioteca nazionale Firenze: 9 milioni di testi, zero archivisti. L’istituto trascurato dalla politica (e dove a volte pure piove)

prev
Articolo Successivo

Manuela Bailo, scomparsa a Brescia da due settimane. Le indagini sugli ultimi messaggi: “Forse non li ha scritti lei”

next